Corso Antincendio: a cosa serve e cosa sapere

All’interno di ogni contesto lavorativo la formazione antincendio rappresenta una componente fondamentale per la tutela della componente umana e materiale.

Numerose statistiche infatti, mostrano come la prima causa in assoluto da attribuire al divampare di un focolaio sia da imputare ad errori di natura umana e che spesso la preparazione in materia sia del tutto insufficiente sia per quanto concerne la prevenzione che per quanto riguarda il fronteggiamento di una simile emergenza.

La legge italiana prevede ad oggi che venga obbligatoriamente integrato all’interno del proprio organico un addetto antincendio al quale saranno ricollegati numerosi compiti tra cui, quello più importante, di preparare adeguatamente ogni membro all’interno del contesto lavorativo di riferimento in merito a misure di prevenzione, comportamenti da evitare e a tutto ciò che è possibile eseguire per contenere un incendio e ridurne il più possibile i danni.

Tale normativa prevede, come abbiamo detto, che questa formazione venga eseguita obbligatoriamente al fine di tutelare maggiormente i lavoratori e di garantire all’interno della sede di lavoro una totale e assoluta sicurezza.

In questo contesto i corsi antincendio rappresentano uno strumento fondamentale, in quanto in essi vengono esposti ed esplicati tutti gli argomenti più importanti come i fattori scatenanti di una combustione, le sostanze estinguenti da utilizzare a seconda del tipo di focolaio ed anche numerosi argomenti pratici come l’utilizzo corretto di strumenti quali gli estintori, le manichette e gli idranti.

In più, il personale verrà messo a conoscenza delle tecniche di evacuazione attuate per prevenire e contrastare danni a cose e persone a seconda della categoria di rischio di appartenenza.

In cosa consiste il corso antincendio

Come previsto nel D.L. 626/94 il corso antincendio è rivolto a tutti coloro che verranno nominati addetti antincendio all’interno della loro struttura lavorativa di riferimento. Tali corsi verranno eseguiti da agenzie specializzate come G.D.M. Sanità in materia di prevenzione, fronteggiamento e trattamento di primo soccorso volto al contenimento di danni a persone.

A seconda dell’entità della struttura in questione, del personale e dell’esposizione al rischio di incendio i corsi si suddividono in tre categorie:

  1. corso antincendio base
  2. corso antincendio medio
  3. corso antincendio alto

La suddivisione dei corsi in tre categorie è dovuta all’entità del rischio a cui ogni entità lavorativa è esposta. In poche parole, a seconda dei materiali, della struttura del luogo stesso e della natura del luogo di lavoro il rischio potrà essere suddiviso in alto, medio e basso.

Di conseguenza la formazione sarà strutturata in relazione al grado di rischio a cui ogni ambiente è esposto al fine di fornire una formazione quanto più specifica possibile. Nel primo paragrafo abbiamo soltanto accennato ai vari argomenti che verranno trattati all’interno di un corso antincendio e che ora andremo ad osservare più nello specifico.

Un ruolo di primo piano all’interno di questo percorso formativo è occupato dai principi di combustione e del loro sviluppo: moltissimi incendi infatti, scaturiscono da errori facilmente evitabili di cui spesso si ignorano le potenziali conseguenze.

La prevenzione di tali errori e di atteggiamenti sbagliati viene ampiamente affrontata e discussa all’interno dei corsi antincendio, in quanto rappresenta il primo elemento utile al fine di evitare potenziali emergenze o incidenti anche gravi.

In secondo luogo verranno analizzate le differenti tipologie di fuoco in relazione alle cause e alle diverse modalità di estinzione. In questo modo l’addetto antincendio acquisirà maggiore consapevolezza su tutti gli strumenti imparando non solo ad utilizzarli ma anche e soprattutto in che caso.

Attraverso i corsi antincendio le figure selezionate saranno in grado di operare nel modo più corretto, supportando e guidando l’intero organico lavorativo verso le corrette modalità di prevenzione e gestione.